Blog

Drone subacqueo Gladius Mini – un dispositivo ideale per il mare Adriatico

Notizie, Test e tecniche

I voli con droni offrono la possibilità di conservare a lungo il ricordo delle vacanze del paesaggio unico croato e, naturalmente, di altre destinazioni turistiche. Ma lo spazio aereo non è più abbastanza …! L’ultimo must: i droni sottomarini. Sono in grado di immergersi fino a 100 metri di profondità, fornire scatti mozzafiato di notevole qualità del fondale marino e sono relativamente facili da maneggiare, a condizione che il cavo non si attorcigli sott’acqua. Tuttavia, il loro uso pratico va ben oltre un passatempo estivo. Sia per un semplice controllo di una boa di ancoraggio, un controllo del fondo della barca o per le compagnie di charter che mirano a un controllo approfondito delle barche rientranti dal noleggio, l’impiego di un tale drone sottomarino potrebbe essere abbastanza utile. SeaHelp ha dato un’occhiata più da vicino al Gladius Mini prodotto da Chasing Innovation.

Il pacchetto Gladius Mini, per scopi pratici già colorato in “giallo SeaHelp”, È costituito dal drone stesso, un cavo di trasferimento lungo fino a 100 metri e un ricevitore-trasmettitore con un dispositivo di controllo. Ciò consente di collegare due applicazioni mobili e quindi seguire “live” cosa sta girando Gladius e dove sta andando. In circa cinque-dieci minuti, sei pronto per partire per la tua avventura subacquea cinematografica e far funzionare il drone subacqueo è abbastanza facile, anche senza alcuna pratica speciale. Solo tra alcuni ostacoli come, ad esempio, le corde di ormeggio nei porti, esiste il pericolo che il drone generalmente ben manovrabile possa aggrovigliarsi.

Esplorare il mondo sottomarino con Gladius Mini da Chasing Innovation

La qualità dell’immagine che raggiunge la superficie tramite il cavo è sorprendentemente buona. Ma, ovviamente, solo se l’acqua consente la vista appropriata. In caso di terreni leggermente sabbiosi come, ad esempio, al largo della costa croata, funziona abbastanza bene mentre lungo le coste italiane o al largo del Mare del Nord o del Mar Baltico, molto probabilmente affronterai lo stesso problema dei laghi o dei fiumi locali.

Cinque piccoli motori elettrici sono responsabili delle manovre sott’acqua, puoi navigare verso destra, a sinistra, verso l’alto o verso il basso e chi lo desidera, ha la possibilità aggiuntiva di far inclinare la parte posteriore o anteriore per mettere a fuoco determinati oggetti. In caso di oscurità eccessiva, due fari forniscono più luce per migliorare significativamente la qualità dell’immagine nelle immediate vicinanze.

Le aree di applicazione di Gladius Mini sono molteplici: sarebbe un peccato usarlo come un semplice oggetto divertente, anche se l’esplorazione dei fondali marini nelle limpide acque dell’Adriatico dà molto piacere. L’unico ostacolo: le foto e i video possono essere guardati all’istante ma solo con difficoltà possono essere trasferiti dalla memoria di Gladius a un PC o uno smartphone. Molto probabilmente, la ragione di ciò è una crittografia speciale che potrebbe essere revocata efficacemente solo tramite il Wi-Fi domestico. A bordo, abbiamo avuto le nostre difficoltà durante il test, ma forse uno degli esperti di Chasing Innovation ci lascerà un suggerimento in questi giorni.

La nostra opinione: circa 1.500 euro sono un sacco di soldi per le riprese subacquee, ma se si considerano ragioni legate alla sicurezza come il controllo delle ancore o delle boe di ancoraggio o il fondo della nave, potrebbe essere un investimento utile per molti skipper che navigano in acque limpide. E per quanto riguarda la qualità dell’immagine, guarda tu stesso nei video della guida di viaggio SeaHelp.